Superbonus 110%

banner superbonus

Il Decreto Rilancio (D.L. 34/2020, convertito dalla Legge 77/2020) ha introdotto il cosiddetto Superbonus: una detrazione del 110% sulle spese sostenute per chi effettuerà interventi di isolamento termico, sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale e riduzione del rischio sismico nei propri condomini o abitazioni singole. La detrazione fiscale del 110% vale per i lavori effettuati dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021 e sarà suddivisa in 5 rate di pari ammontare. Il Ministro dello Sviluppo Economico ha firmato i decreti attuativi relativi alla modulistica e alle modalità di trasmissione dell’asseverazione, ovvero il documento rilasciato da un professionista o da una società che certifica il possesso dei requisiti necessari per ottenere il bonus. 

Tipologia di interventi

Gli interventi che danno diritto alla detrazione del 110% possono riguardare sia la singola unità immobiliare che il condominio. Tutti i dettagli sono consultabili nel sito dell’Agenzia delle Entrate:

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/superbonus-110%25

Chi ne ha diritto.

Possono beneficiare del Superbonus:

  • condomìni
  • persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l'immobile oggetto dell'intervento
  • Istituti autonomi case popolari (IACP) o altri istituti che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di "in house providing"
  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa
  • Onlus e associazioni di volontariato
  • associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

Per le persone fisiche, l’utilizzo delle detrazioni è ammesso su al massimo due unità immobiliari, oltre agli eventuali interventi su parti comuni condominiali. In ogni caso, la detrazione massima che ogni contribuente può ottenere è pari all’imposta annua che dovrebbe versare, se si è incapienti, la parte di detrazione non goduta non può esser recuperata negli anni successivi o chiesta a rimborso. Sono in ogni caso escluse le unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9 cioè le abitazioni di lusso.

Come ottenere la detrazione

Al momento la normativa prevede che per ottenere la detrazione del 110%, gli interventi, nel complesso, devono assicurare il miglioramento di almeno 2 classi energetiche. Se questo “salto” di 2 classi non è possibile perché l’edificio è già nella penultima classe energetica, bisogna comunque ottenere il passaggio alla classe energetica superiore. Il passaggio di classe va dimostrato con l’attestato di prestazione energetica (A.P.E.), ante e post intervento, rilasciato da tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata. Possono essere detratti anche gli interventi di demolizione e ricostruzione.

Gli interventi relativi all’ecobonus devono essere asseverati da tecnici abilitati per il rispetto dei requisiti e la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. Una copia dell’asseverazione viene trasmessa in via telematica all’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie e lo sviluppo economico (ENEA).

Gli interventi relativi al sismabonus devono essere asseverati da professionisti incaricati della progettazione strutturale, direzione dei lavori delle strutture e collaudo statico secondo le rispettive competenze professionali, e iscritti ai relativi Ordini o Collegi professionali di appartenenza. I professionisti incaricati attestano anche la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

L’asseverazione per ecobonus e sismabonus viene rilasciata al termine dei lavori o per ogni stato di avanzamento dei lavori.

In alternativa alla fruizione della detrazione in dichiarazione dei redditi, è possibile optare per la cessione della detrazione sottoforma di credito d’imposta e ottenere lo sconto immediato da parte del fornitore se la cessione avviene nei suoi confronti oppure si può optare per la cessione a terzi, comprese le banche.

A tal fine, la Banca delle Terre Venete sta predisponendo prodotti specifici e convenzioni per supportare le imprese e le famiglie del territorio che intendono usufruire dei benefici del Superbonus, Sismabonus e Ecobonus.

Per saperne di più, leggi le FAQ dell'Agenzia delle Entrate (https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/FAQ) e del Ministero dell’Economia e delle Finanze: https://drive.google.com/drive/folders/1JnC1i7CsyjKXG1dMw3Jo0shU8wZ0CaZV

Iniziative per i clienti interessati al Superbonus

La Banca delle Terre Venete, con il supporto del gruppo Bancario Iccrea, sta sviluppando iniziative e prodotti specifici per le necessità di:

  • finanziamento: per il cliente che sceglie di gestire in autonomia il credito d’imposta;
  • cessione del credito: il cliente privato o l'impresa che ha concesso lo sconto in fattura, potrà cedere il credito d'imposta, derivante sia da Superbonus 110% che da altri ecosismabonus, alla Banca delle Terre Venete. Inoltre, grazie alla Convenzione stipulata con Eni Gas e Luce e Harley&Dikkinson, i Condomini possono avvalersi dei servizi offerti da CappottoMio, la soluzione completa per la riqualificazione energetica degli edifici, dalla progettazione alla cessione del credito.

Finanziamenti

Per le famiglie e le imprese che intendono effettuare lavori di riqualificazione energetica, la Banca propone “La mia banca è green”, una linea di finanziamenti specifica, a condizioni agevolate, personalizzabili in base agli importi, la durata e le finalità degli interventi:

Maggiori dettagli possono essere chiesti in filiale, su appuntamento.